Un rifugiato a casa nostra

Ecco quanto scritto nel numero 154 de La Campana di aprile 2016:casa_sulle_mani_0

In questo periodo in parrocchia stiamo valutando la fattibilità del progetto che abbiamo denominato “Un rifugiato a casa nostra”. Si tratta di accogliere in un appartamento affittato dalla parrocchia due o più persone provenienti da paesi lontani e di accompagnarle per un periodo di sei mesi favorendo la loro integrazione nel nostro tessuto sociale e culturale.

A questo scopo abbiamo:

  • fatto un incontro il 1 marzo 2016 per lanciare il progetto
  • raccolto le adesioni dei parrocchiani (aprile)
  • cercato l’alloggio ed analizzato chi poteva beneficiare del progetto (maggio)
  • allargato il progetto alla parrocchia di san Lazzaro (maggio)
  • arredato l’alloggio situato in via Fer 7 (giugno)
  • conosciuto gli ospiti (16 giugno)
  • accolto nella casa i due primi ospiti (28 giugno)
  • fatti vari incontri di verifica e monitoraggio
  • svolto un incontro a san Lazzaro in cui abbiamo deciso di prolungare il progetto (16 novembre)

Ecco i post usciti sul sito e che tracciano la storia:

Torna alla pagina sulla solidarietà